Cantine Del Notaio – Basilicata IGT Il Rogito 2005

rogitoScommettiamo che…? (cit.)

Giusto o sbagliato, dal mio punto di vista,  conservare per anni (pochi o tanti) una bottiglia di vino è sempre una scommessa.

In fondo il vino è una sostanza viva e, come le persone, è imprevedibile il suo comportamento nel tempo. Certo ci sono tipologie di cultivar che danno vini più longevi, ma a causa di una serie di variabili, l’invecchiamento è sempre un’incognita.

Solitamente i rosati non sono adatti alla lunga conservazione anche se in questo caso Il rogito ha tenuto bene per ben 7 anni e la cosa mi ha sorpreso.

Colore preciso, un bel rosa carico come in gioventù. Nessuna tendenza all’aranciato e limpidezza eccellente.

I profumi non sono marsalati, anzi sono ancora percettibili i sentori di frutta rossa come mora e cicliegia avvolti da una leggera speziatura e da una nota balsamica.

In bocca prevale ancora una buona freschezza accompagnata da un tenore alcolico ben bilanciato. Retrogusto dolciastro,  ottima bevibilità che richiede una bella bistecca alla griglia con cui accompagnarlo.

Questa volta mi è andata bene….ho vinto la scommessa!

Questa voce è stata pubblicata in Basilicata, Degustazioni, Italia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *