Erbaluce e Grignolino : Educational Blogger e Autochtona 2011, pensieri sparsi…

erbaluce_grignolino

Grazie al Consorzio di Tutela e Valorizzazione vini D.O.C. Caluso, Carema e Canavese, per quanto riguarda L’Erbaluce, e a Fabrizio Gallino oltre che ai vari produttori, per quanto riguarda il Grignolino, ho avuto modo di partecipare a due eventi straordinari che mi hanno permesso di crescere, arricchire il bagaglio enologico e aumentare l’esperienza.

Conoscevo ben poco l’ Erbaluce, ma grazie a 2 giorni passati nelle zone tipiche di produzione ho ammirato vigneti, tecniche di coltura caratteristiche del Vigneto, Pionieri e giovani produttori e per concludere ottimi vini.
Ho trovato alcune espressioni dell’ Erbaluce molto interessanti su cui si è lavorato e si sta lavorando molto fino ad arrivare a risultati eccellenti, altre un po’ sottotono senza personalità…forse banali! Spero che ci sia entusiasmo e voglia, da parte dei nuovi vigneron, di sperimentare e ottenere sempre il meglio!

Per quanto concerne il Grignolino è stato interessantissimo trovarsi ad Autochtona dietro un banchetto a spiegare e proporre, ad un pubblico mediamente competente, un vitigno strano, difficile che da un vino di cui  ti innamori oppure odi, non ha vie di mezzo!

Erano proposte le 3 zone principali di produzione:

E’ stato molto apprezzato dal pubblico la scelta di proporre i tre terroir spiegando loro cosa può dare uno stesso vitigno coltivato in zone con terreni diversi!

Concludo semplicemente ringraziando tutti i produttori che, tramite Fabrizio, mi hanno dato fiducia e spero di essere stato all’altezza delle loro aspettative, inoltre ringrazio Fabrizio che è stato, insieme alla Valle d’Aosta , la star di Autochtona e che ha creduto in me , mi ha supportato e, soprattutto, sopportato durante le mie crisi di insicurezza e paure specialmente quando dovevo salire sul palco a raccontare il Grignolino.

Grazie a tutti!

Questa voce è stata pubblicata in Eventi e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *