Libera Terra Puglia – Hiso Telaray Rosso Salento IGT 2009

liberaterraSono sempre stato appassionato di lotta alla mafie e approfondendo, con letture varie, mi sono imbattuto, già in altre occasioni,  in prodotti che derivano dalle terre confiscate alla mafia.

Questo vino prodotto da Libera Terra Puglia è dedicato a Hiso Telary, un giovane albanese che si ribellò al caporalato dei campi pugliesi e fu ucciso in provincia di Brindisi nel 1991.

E’ ottenuto da uve negroamaro 100%, coltivate in agricoltura biologica, matura circa 6 mesi in tini d’acciaio e affina in bottiglia.

Il colore è un bel rosso rubino molto carico e al naso spiccano subito i sentori classici di frutta nera matura, prugna soprattutto, seguono leggeri sentori speziati che mi ricordano molto il tabacco.

In bocca è pieno, con una buona  struttura, discretamente acido, ma molto equilibrato e rotondo. E’ molto piacevole (me ne sono tracannato quasi una bottiglia  🙂 ) nonostante il retrogusto sia un po’ amaragnolo.

Credo che sia un vino di facile approccio e che possa accompagnare un buon pranzo a base di cucina mediterranea, un ottimo prodotto per avvicinarsi alla terra di Puglia e un eccellente metodo di favorire le  iniziative di Libera Terra per ottenere dei buoni prodotti dai beni confiscati alla mafia.

Questa voce è stata pubblicata in Degustazioni, Italia, Puglia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Libera Terra Puglia – Hiso Telaray Rosso Salento IGT 2009

  1. Sara scrive:

    Ciao Davide, ho assaggiato questo vino sabato e cercando in giro opinioni ho trovato la tua :). E’ stata una bella scoperta anche per me tenendo conto che non sono abituata ai vini del sud, ma mi è piaciuto assai, avessi potuto avrei teso al tracannamento della bottiglia anch’io!!

    • Davide Marone scrive:

      Grazie Sara, per me è stata una vera scoperta!
      Ti consiglio di assaggiare anche i loro bianchi sono molto buoni e interessanti! Uno per tutti “Placido Rizzotto”!
      Ancora grazie per essere passata a trovarmi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *