Tenute D’Auria – Aglianico Del Vulture DOC Rupe Di Apollo 2007

2014-02-05 20.17.45Un Aglianico che avevo portato a Torino, ad Aglianico sotto La Mole, come scommessa. Lo conoscevo poco, pochi assaggi, imbottigliato da poco e poi una nota troppo marcata di “falegnameria” mi avevano fatto storcere il naso.

Ero convinto che questo vino avesse delle grandi potenzialità e che quello (Novembre 2011) non fosse stato il periodo  per esprimersi nel migliore dei modi.

Così è stato perchè riassaggiandolo ora, scopro che Rupe ha ancora un bel colore intenso e impenetrabile con una bella tonalità viva. Al naso ora è complesso, frutta matura, spezie, liquirizia, tabacco si amalgamano tra loro in un ricco bouquet…e la falegnameria? Ancora leggermente presente, ma non sovrastante come prima anzi ben miscelata e quasi piacevole.

In Bocca il sorso è abbastanza deciso, tannino bello presente (come piace a me 🙂 ) ma, fine e mai grossolano, avvolge il palato e piano piano si dissolve.

Non di grandissima potenza ma chiama ugualmente cibo per essere gustato al meglio!

Un bel bicchiere per sentirsi nel Vulture.

 

Questa voce è stata pubblicata in Basilicata, Degustazioni, Italia e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *