Velenosi – Roggio Del Filare Rosso Piceno Superiore DOC 2005

roggio_picenoEra da un po’ di tempo che mi “frullava” nella testa l’idea di assaggiare qualche vino marchigiano e, dopo la delusione di alcuni vini toscani a base sangiovese, ho deciso di puntare su questo Rosso Piceno Superiore dell’azienda Velenosi della quale avevo molto apprezzato alcuni vini bianchi.

Vino ottenuto da uve Montepulciano e Sangiovese coltivate nella zona di Offida in terreni mediamente argillosi e calcarei.

La macerazione con le bucce dura circa una ventina di giorni e l’affinamento 18 mesi in barriques nuove.

Versando il vino nel bicchiere noto subito “la sostanza”, il liquido sembra essere denso e il colore è rubino fittissimo, impenetrabile dalla luce. Iniziano a vedersi leggere sfumature granate, quasi impercettibili.

Stessa sensazione con il bicchiere sotto il naso, un vino “spesso”, i sentori sono molteplici e complessi. Si parte subito con una nota intensa di confettura di ciliegia o prugna che si amalgano con i profumi di legno nuovo che fortunatamente restano in secondo piano senza essere troppo invadenti. Roteando il bicchiere e facendo andare via i primi sentori volatili, vengono fuori profumi balsamici e leggermente speziati che mi ricordano il tabacco e la cannella…un profumo davvero interessante!

Porto il vino in bocca e noto subito l’entrata potente che avvolge tutta la bocca lasciando piano piano posto all’eleganza dei tannini setosi e alla morbidezza. Lo riassaggio, mi riempie la bocca, è caldo, piacevole, retrogusto fruttato, è armonico con un equilibrio eccellente, acidità e alcol ben bilanciati e nonostante la sua “grassezza” chiama un altro assaggio.

Un vino che mi è piaciuto molto, a prima vista avrei pensato ad un vino tutto alcol e potenza mentre invece la sua armonia mi ha conquistato….una buona bevuta che abbinerei ad una tagliata alle erbette accompagnata da formaggi di media stagionatura.

Questa voce è stata pubblicata in Degustazioni, Italia, Marche e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *